• Luoghi di Culto

    Luoghi di Culto

    La commissione Urbanistica si è trovata giovedì 13 marzo per affrontare un ragionamento generale sui luoghi di culto: significati, processi sociali e relazione con il territorio. Colloquio con don Andrea Decarli, delegato vescovile per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso, e Alessandro Martinelli, direttore del Centro per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso dell’Arcidiocesi di Trento”.

    Da anni sono depositate richieste in comune per la realizzazione di una sala del regno da parte dei testimoni di Geova e di due chiese da parte dei Valdesi ed Evangelici.

    Il nostro territorio si presenta oggi innegabilmente multi identitario. Nel corso degli ultimi vent’anni il volto della città – e del Trentino – si è notevolmente trasformato, offrendo una visione nuova della realtà. Dal punto di vista religioso, sono da sottolineare due fattori che hanno contribuito a mutuare questo sguardo: da un lato la forte presenza di persone provenienti da altri Paesi, dall’altro un numero apparentemente sempre crescente di autoctoni che abbraccia, ho a già abbracciato, nuove forme di religione. In questo nuovo contesto sociale entra di diritto una riflessione sulla questione dei luoghi di culto.

    La discussione è stata ampia ed articolata con differenze di opinione tra le forze politiche di centro-destra più restia a concedere spazi  e centro –sinistra invece disponibile a valutare opzioni che permettano di garantire a tutti l’uguaglianza di trattamento nei confronti delle fedi. La riunione della commissione è terminata rinviando a una prossima  seduta della commissione urbanistica l’approfondimento di questo tema.

     

    Paolo Serra

    Componente della commissione Urbanistica.

    [sdm-download id=”1246″ fancy=”1″]

Photostream